Francesco Sancilio, le novità al Salone del Mobile di Milano 2022


Sancilio Molfetta - Salone del Mobile Milano 2022

«Design, minimalismo, forza emozionale e contatto con la natura. Innovazione e artigianalità. Sono questi gli aspetti che più mi hanno colpito al Salone del Mobile 2022 a Milano, che è tornato dopo i due anni di restrizioni causate dalla pandemia - afferma Francesco Sancilio, CEO della Sancilio Molfetta -. La visita al Salone e l’incontro con alcuni dei nostri partner commerciali più importanti, come Colombini, Nardi, SKEMA e Luxy, ci hanno permesso di approfondire le tendenze del settore dedicato all’arredo, all’outdoor e alla progettazione degli ambienti».


Sancilio Molfetta - Salone del Mobile Milano 2022

Anche in questa edizione, ai mobilifici italiani si sono affiancati produttori originari di diversi stati europei, quali la Francia, la Germania, il Regno Unito, la Spagna ed il Portogallo, ma anche Stati Uniti, Giappone e Brasile. «Confrontarsi con altre culture e idee di progettazione e arredo ci ha permesso, ancora una volta, di elaborare nuove idee da proporre ai nostri committenti e clienti per la progettazione degli ambienti di lavoro - ha aggiunto Francesco Sancilio (nella foto sulla destra, con Domenico Sancilio, CEO della Sancilio Evotech SRL) -. Sono stato particolarmente colpito dalle aree Workplace3.0 e S.Project, che focalizzano l’attenzione rispettivamente sui cambiamenti di arredo e space planning per gli spazi di lavoro e su prodotti di design e soluzioni decorative e tecniche per i progetti di interni».


Sancilio Molfetta - Salone del Mobile Milano 2022


Alcune delle novità più importanti riguardano l’ambientazione outdoor (con un approccio più scanzonato e libero, giocando con il colore e la microarchitetura), l’ergonomia delle sedute con nuove forme, l’uso di materiali innovativi con accostamenti originali, ma anche l’approccio agli ambienti di lavoro. Proprio come Sancilio sta proponendo nella sua Formula Contract per la progettazione e l’arredo egli spazi, «l’area di lavoro è ormai uno spazio flessibile, permeabile e dinamico, aperto alla condivisione professionale e alla contaminazione con altre attività quotidiane».


«Nel 2021 abbiamo spinto l’acceleratore sull’innovazione a tutti i livelli, promuovendo la nascita della Sancilio Evotech Srl, con un occhio di riguardo agli investimenti finalizzati a dar vita ad un futuro sempre più sostenibile - conclude Francesco Sancilio -. Anzi, dal 2022 stiamo rinsaldando la il rapporto con la nostra community soprattutto attraverso il mondo digitale che ci vede in costante crescita»


La visita al Salone del Mobile ha rafforzato una delle prerogative più importanti della Sancilio: gli spazi di lavoro, come anche quelli domestici, sono ormai luoghi di socializzazione e aggregazione ed è su queste basi che la progettazione sta ripensando le proprie strutture fondanti. Spazi e arredi devono essere progettati per agevolare e favorire occasioni di incontro e scambio.

Tra le maggiori richieste, che si riscontrano anche nei vari committenti, figurano ambienti eleganti e rappresentativi, anche per le aree meetings, gli auditorium, le sale riunioni e le aree break.